Chi inizia una dieta è sempre alla ricerca di un vero miracolo.

Troppo spesso tutti quelli che cercano di separarsi per sempre dalla propria pancia sono costretti a cambiare varie volte regime alimentare prima di trovare quello che fa al suo caso.

L’ultima idea in questo mondo pieno di interrogativi e sacrifici è senza dubbio la dieta Lemme.

Il dottore che ha messo a punto questa strategia che si preannuncia rivoluzionaria non parla di dieta bensì di filosofia alimentare.

Secondo questa accezione dovremmo mettere a punto una vera rivoluzione copernicana per prenderci cura al meglio del nostro corpo.

Questo regime alimentare a differenza dei suoi cugini, prevede due fasi: la prima di perdita sostanziale di peso, la seconda di mantenimento dello stato di forma.

Non è difficile capire che la seconda fase è la più importante e soprattutto non è difficile trovare in rete e in tv degli esempi di chi con questa nuova filosofia è riuscito a sconfiggere per sempre il problema dell’obesità.

Una testimonianza diretta di un paziente di Lemme ci racconta che non solo è riuscito a separarsi da ben 27 kg di grasso ma, senza attività fisica, è riuscito a mantenere la pelle tonica e soprattutto ha visto un notevole miglioramento del tono muscolare.

Un bel cambiamento rispetto a quello che ci hanno sempre propinato fin ora.

La filosofia del dottor Lemme permetterà anche di risolvere tutti i vari problemini che spesso si accompagnano al cattivo stato di salute del nostro organismo: insonnie, problemi intestinali o disturbi del sonno spariranno lasciando il posto ad energie nuove da spendere e un ritrovato benessere fisico.

Ovviamente anche con questa dieta dovremmo fare attenzione a particolari regole: alcuni cibi saranno permessi in determinati orari o fasi mentre saranno banditi dalla nostra tavola sale, frutta, aceto, vino, pomodori e carote.

La rivoluzionaria dieta prevede una dissociazione tra le proteine e i carboidrati, quest’ultimi devono essere assunti fino alle 9,30 del mattino e non devono assolutamente essere accompagnati da carne o pesce.

Gli alimenti ricchi di proteine sono lasciati per pranzo, tassativamente tra le 12 e le 14, e per cena, tra le 19 e le 21.

Sono possibili anche due spuntini, a metà mattinata e nel pomeriggio con te e limone a spicchi.

A questo punto si potrebbe pensare ad una dieta scriteriata, ma in realtà la vera forza della dieta di Lemme sta nel fatto che il dottore ha preso per la prima volta in esame tutte le qualità degli alimenti e di come questi vengono assimilati e percepiti dal nostro organismo.

In questa nuova ottica non bisogna più guardare le chilo calorie, che tra l’altro sono un’unità di misura del calore, ma al contrario ha grande incidenza l’indice glicemico, ovvero il valore che stabilisce l’insulina nel corpo e di conseguenza il glucosio nel sangue.

A questo punto è facile capire il punto di vista diametralmente opposto.

Non prendendo più i classici parametri per formulare questa dieta non c’è bisogno di dover rispettare noiosissimi limiti di peso per i nostri alimenti, questo ci permetterà di essere sempre sazi e non avere particolari problemi nel seguire questo tipo di dieta.

CP6NKN Clock made of knife and fork, isolated on white background

Dopo aver affrontato le prime settimane di dimagrimento, circa un mese per la perdita di ben 10 kg, per i successivi tre mesi si dovrà seguire una fase di mantenimento, ovvero una fase in cui il nostro organismo riuscirà a bilanciare gli ormoni e rendendo efficace e duraturo il risultato acquisito.

Dopo tale periodo il paziente avrà raggiunto piena consapevolezza dei bisogni del proprio organismo e soprattutto sarà in grado di gestire in piena autonomia la nuova filosofia alimentare.

Non è un caso che sempre più persone siano rimaste affascinate da questa innovativa possibilità, ovvero essere in forma senza per questo soffrire i morsi della fame.

Flavio Briatore è uno dei tanti Vip che hanno abbracciato questo movimento che è destinato a cambiare secoli di convinzioni sul regime alimentare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here