Con l’avvicinarsi della bella stagione si riprende la sana abitudine di preparare piatti freddi, gustosi e leggeri.

Il cous cous è uno degli ingredienti principe di questi piatti freschi e colorati, tanto che è entrato ormai di diritto nella cucina italiana nonostante sia un alimento tipico dei paesi che si affacciano sulla costa nord africana.

In realtà il cous cous è stato da sempre utilizzato in Sicilia come ingrediente per piatti completi e che abbiano una base di carboidrati.
Il cous cous deriva, infatti, dalla lavorazione di semola di grano duro e acqua, una combinazione semplice dalla quale si ottengono i piccolissimi granelli che poi si prestano alle più svariate quanto fantasiose preparazioni.
Oltre a essere gustoso e versatile, il cous cous è un alimento dalle proprietà organolettiche eccellenti e si configura come uno dei cereali dietetici per chi vuole seguire un regime alimentare ipocalorico.

Le proprietà 

Le proprietà del cous cous ripercorrono in buona parte quelle del frumento. A queste si aggiungono quelle ottenute grazie alla sua particolare lavorazione.
Può essere un alimento paragonato per importanza a quello della pasta nella dieta mediterranea, dalla quale però di differenzia perché ha un apporto calorico pari alla metà.

Contiene anche una buona quantità di fibre, per cui è indicato nei casi di stipsi e anche per mantenere un buon equilibrio della flora batterica intestinale.
Il transito è favorito dall’apporto di liquidi legato alle fibre, che inibiscono anche la creazione di gas e problemi digestivi.
La componente di carboidrati lo pone come alimento base per i primi piatti, anche unici, che si uniscono alla presenza di amido come nel caso delle patate.
È un’importante fonte anche di vitamine come la A e tutte quelle del gruppo B tra cui l’acido folico, fondamentale per le donne in gravidanza a per il buon funzionamento del sistema immunitario a tutte le età.
Nel cous cous non mancano i minerali, come il calcio, il magnesio, il potassio, il fosforo che concorrono a renderlo un cibo completo, nutriente e comunque leggero.
Secondo alcune ricerche pare che sia anche utile a prevenire alcuni dei tumori che colpiscono il tratto intestinale, in particolare quello del colon-retto. Il cous cous è tra gli alimenti consigliati a tale scopo anche dal Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro.

Le proprietà dietetiche

Come precedentemente accennato il cous cous si può inserire nelle diete che servono a perdere peso, perché ha proprietà sazianti che impediscono di esagerare con le quantità di altre porzioni, donando comunque un senso di soddisfazione.

La preparazione del cous cous prevede che i semi si dilatino a contatto con l’acqua, aumentando il volume anche una volta che sono stati ingeriti.
Le quantità del cous cous non sono mai oltre quelle consigliate, perché bastano circa 40 g di prodotto per avere un buon piatto mescolato a verdure, carne o pesce, che lo rende quanto mai completo di tutti i nutrienti (carboidrati, proteine, grassi, zuccheri complessi).
Il cous cous è quasi completamente assente di grassi e non contiene colesterolo. In tal senso rappresenta un aiuto per coloro che vogliono abbassare i livelli della sindrome metabolica.

Un cibo salutare

I benefici per la salute, però, sono anche altri e si riferiscono alla capacità di abbassare l’indice glicemico.

La glicemia è come un campanello d’allarme che fa scattare il bisogno di ingerire del cibo quando i suoi livelli si innalzano.
Il cous cous regola, invece, questo meccanismo, moderando i picchi e favorendo un regime alimentare regolare. Si potrebbe pensare che sia consigliabile anche per i diabetici, mentre non è così in quanto potrebbe interferire con la terapia farmacologica in atto.
Con un buon livello di glicemia si ha anche un’ottima disponibilità di energia, senza appesantirsi. Non a caso è uno di quegli alimenti preferiti dagli sportivi che hanno bisogno di energia subito disponibile nell’imminenza di allenamenti o gare, assecondando le migliori prestazioni atletiche.
Nel cous cous non mancano le proteine che si trovano in abbondanza, almeno quanto quelle presenti nella carne, nel pesce o nei fagioli.

Questo cereale contiene anche un ottimo apporto di selenio, che come molti sanno combatte l’azione del tempo, sia delle pelle che per la buona funzionalità degli organini interni.
Il cous cous è dunque uno di quei cibi da inserire nella propria dieta, sia per acquisirne le proprietà organolettiche e sia per avere una gratificazione di gusto con leggerezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here