Diventare persone che sono emotivamente molto più forti rispetto al passato, ovvero di quanto lo sono state, risulta essere un’operazione che non richiede tantissimi passaggi: basta solo volerlo.
Ecco come riuscire a rafforzare questo aspetto talvolta sottovalutato.

Conoscere se stessi

Come per ogni tipo di aspetto psichico, la conoscenza del proprio io risulta essere fondamentale anche nell’ambito del rinforzare la propria sfera emotiva.
Il conoscere se stessi vuol dire capire quali sono i propri limiti e soprattutto scoprire quali sono i punti deboli di una persona: essere forti emotivamente si basa proprio su questo aspetto.
Per semplificare tale concetto è necessario fare un esempio: quante volte è capitato che, una situazione particolarmente stressante, facesse in modo che, una persona perdesse il controllo delle proprie emozioni?
Moltissimi studi, noti e non, ma anche diverse situazioni personali sono in grado di testimoniare che, quando una persona viene punta sul vivo e nel punto debole, essa tende ad esplodere, spesso in attacchi d’ira oppure in crisi isteriche o di pianto.
Conoscere quali sono gli aspetti che risultano essere maggiormente scoperti permetterà, ad una persona, di riuscire ad evitare che, quell’ambito, possa costituire un nervo scoperto che non fa altro che scombussolare il proprio io interiore.
Ma questo non è di certo l’unico passaggio che bisogna cercare di analizzare quando si vuole essere in grado di rafforzare il proprio io: bisogna infatti imparare a conoscere altri aspetti grazie ai quali sarà possibile evitare delle situazioni che risultano essere sempre poco piacevoli da affrontare.

Man holding cardboard paper with happy smiley face printed on. Happiness and joy concept.

Fare tesoro di situazioni emotive disastrose

Un crollo emotivo, che si manifesta con attacchi di rabbia o con altre esplosioni, risulta essere un momento durante il quale, una persona, perde completamente il controllo di se stessa.
Per poter essere forti emotivamente, bisogna capire come queste situazioni si sono venute a realizzare e soprattutto come sono state affrontate: anche se sono stati commessi degli errori nell’affrontare una situazione, bisogna evitare di dimenticarsi di come essa sia stata fronteggiata.
Ad esempio, quando si è affrontato un periodo di stress in maniera completamente errata oppure una situazione sempre negativa con atteggiamenti che hanno fatto scaturire situazioni negative, il proprio cervello tende a rimuovere, col passare del tempo, tale situazione.
Recenti studi dimostrano che, un episodio traumatico o comunque poco piacevole, viene nascosto accuratamente dal proprio inconscio e viene fatto fuoriuscire durante un periodo particolarmente stressante: spesso infatti, le persone stressate, sono anche quelle che fanno sogni agitati che ripropongono proprio quella situazione negativa affrontata, in maniera sbagliata, diverso tempo fa e che si cerca di nascondere.
Il giusto modo di comportarsi consiste nell’accettare la suddetta situazione, anche se si tratta di un fallimento, riuscendo a tratte un particolare insegnamento da questo particolare tipo di situazione.
Questo permetterà ad una persona di poter rafforzare il proprio io sotto il punto di vista emotivo: determinati errori verranno evitati quando vi sono situazioni analoghe visto che, il cervello, rielabora tale situazione e manda degli input che devono essere analizzati immediatamente dal cervello e dal proprio stato emotivo, evitando nuove esplosioni talvolta tutt’altro che gratificanti.

Far prevalere la ragione sull’istinto

Altro passaggio importante consiste nel semplice fatto che, quando si sta per avere la classica esplosione emotiva, bisogna cercare di far prevalere la ragione sull’istinto.
Anche in questo caso è necessario cercare di fare un esempio concreto: basta supporre che, una persona, si ritrovi a dover affrontarne un’altra che magari cerca di provocare per far esplodere, sotto il piano emotivo, la sua vittima.
Se questo accade, ovvero se vi è un’esplosione emotiva, la vittima potrebbe essere preda dell’ira e commettere degli errori tutt’altro che piacevoli.
Al contrario dunque: quando una persona si trova in tale situazione, deve cercare di reprimere tutte quelle emozioni che stanno ribollendo nel suo io interiore.
La soluzione migliore consiste nel cercare di tenere la situazione sotto controllo: il placare un istinto non è di certo semplice, soprattutto la collera furiosa, ma col passare del tempo, ma soprattutto con tanto impegno, sarà possibile bloccare tutte quelle emozioni negative, evitando che vi siano esplosioni tutt’altro che positive.
Di conseguenza bisogna aggiungere che, l’autocontrollo e la concentrazione nell’analizzare una situazione potenzialmente esplosiva, sono degli atteggiamenti che devono essere adottati e che necessitano di un continuo allenamento, in maniera tale che sia possibile fortificare il proprio lato emotivo.
Ed attenzione: essere forti emotivamente ed avere un grande autocontrollo non vuol dire essere freddi e non provare nulla, ma semplicemente essere in grado di controllare le suddette emozioni in maniera positiva.

La respirazione: elemento fondamentale

Infine, quando la situazione sembra indebolire una persona e questa sta per esplodere, respirare profondamente e lentamente rappresenta il giusto modo di fare.
Molte persone sottovalutano questo aspetto: ispirando ed aspirando in questo modo, tutti i pensieri negativi verranno completamente rimossi.
Una persona sarà infatti in grado di rilassarsi e soprattutto di tenere sotto controllo tutte le sue emozioni.
Questo vuol dunque dire essere forti emotivamente, ovvero riuscire a costruirsi una corazza che permette, ad una persona, di evitare che, la situazione, possa essere tutt’altro che piacevole da affrontare.

Per capire come essere forti emotivamente bisognerà solo fare pratica e seguire questi pratici consigli: sul web ci sono moltissime testimonianze di persone che, col duro impegno e con tanta costanza, sono riuscite ad avere una forza e controllo sulle proprie emozioni in grado da renderle praticamente inattaccabili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here