Come fare i fichi secchi

Nella tradizione popolare pugliese c’è un dolce che viene tramandato di generazione in generazione, il quale non potremmo fare a meno di menzionare. Di solito si usa consumarlo nel periodo autunnale o invernale e solo a sentirlo nominare nasce il desiderio di doverlo assaggiare.

Stiamo parlando dei fichi secchi.

fichi-secchi

E’ un dolce abbastanza calorico, anzi oseremmo dire ipercalorico, ed è reso tale grazie anche alle innumerevoli aggiunte che impreziosiscono la buona cucina della cuoca di casa. Ma vediamo nel dettaglio come preparare questo delizioso dolcetto.

Innanzitutto, il primo ingrediente è una buona dose di fichi freschi, belli maturi, appena colti e possibilmente che non presentino ammaccature.

Per prima cosa occorre pulirli con un canovaccio leggermente umido di modo da avere il frutto fresco e pronto da mangiare anche con la scorza.

Successivamente avrete bisogno di apporre i vostri fichi ad essiccare possibilmente su di un tavoliere in legno o, in alternativa, su di un foglio di carta da forno. L’essiccazione avverrà sotto il calore naturale del sole e può durare tra i 3 e i 6 giorni. Ovviamente è consigliabile ricoprire i fichi con una retina in modo da non farci adagiare sopra insetti o mosche.

Far attenzione a ritirare i fichi durante le ore notturne: l’umidità potrebbe rallentare il processo di essiccazione.

Trascorso il tempo dell’essiccazione, i fichi avranno un colore giallastro, rossastro all’interno. A questo punto sarà possibile procedere dividendoli in due con un coltello.

Alcuni, invece, usano tagliare in due i fichi prima dell’essiccazione, così facendo il processo dovrebbe durare qualche giorno in meno. A questo punto è possibile farcire ogni coppia di fico con noci, nocciole oppure mandorle tostate. E’ possibile aromatizzare il tutto aggiungendo scagliette di scorza di limone.

Adesso, richiudendo entrambe le parti del fico si può procedere alla cottura in forno.

Vi consigliamo di preriscaldare il forno a 180° , per poi sistemarmi dentro la teglia contenente i fichi disposti su di una carta da forno. I frutti non devono essere ammassati sulla teglia, è preferibile che non siano a contatto gli uni con gli altri di modo da permettere una cottura uniforme e completa. Far cuocere per circa 10-15 minuti, il tempo di scorgere una tonalità dorata mista a marroncino.

A questo punto potrete procedere sfornando il dolce.

Per i più golosi è possibile anche arricchire i fichi secchi di alcune spezie. Potrete usare limoncello misto a zucchero di canna e cannella. Vediamo come:
adagiare in un piatto un cucchiaio di limoncello e sciogliere il tutto con dello zucchero di canna e un pizzico di cannella. Mescolare affinché non si sentano più granelli di zucchero di canna. A questo punto potrete cominciare a spennellare i vostri fichi secchi (appena essiccati e non ancora infornati) del composto giustappunto creato.

Procederete infornando i fichi attendendo la doratura, la cottura deve perdurare per 20 minuti circa.

Una volta sfornati i fichi secchi, potrete spolverarci sopra un pizzico di cacao amaro, dando così il tocco finale da chef.

fichicioccolato

Una variante tradizionale la si può ottenere con del vincotto.
Prima di tutto sminuzzare delle barrette di cioccolato (fondente o al latte) e mescolare il tutto con dello zucchero bianco. In un contenitore creare più strati di fichi con vincotto, zucchero e cioccolato, procedendo sempre in questo modo fino al riempimento totale del barattolo.
A questo punto il dolcetto tradizionale pugliese è pronto per essere servito ai palati più ghiotti.

Nel caso invece vorreste conservarne un po’ per farne sfoggio durante l’anno, è consigliabile apporre i fichi secchi in un barattolo di vetro o sacchetti sottovuoto, magari accompagnandoli con una pizzicata di semi di finocchio e foglie d’alloro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *