Come festeggiare i 20 anni

Festeggiare i propri vent’anni è un passaggio importante, non soltanto a livello simbolico.

Si viene fuori dalla sfera dei ‘teen’, per avviarsi verso l’età adulta. Di conseguenza occorre festeggiare come si deve una delle tappe della propria vita.

Detto che ci si avvia verso la fase adulta, nella quale sarà necessario mostrare maggior maturità, i 20 anni sono una splendida terra di mezzo, nella quale c’è ancora tanta voglia e forza di fare quelle che, agli occhi di un quarantenne, potrebbero sembrare assurdità.

Si potrebbe dunque festeggiare in maniera avventurosa, convocando un bel po’ di amici su un campo di battaglia ad esempio, pronti a inscenare una sfida eroica in un bosco, a colpi di paintball. A seconda delle zone in cui si vive, ci si potrebbe anche avvicinare all’acqua, tentando per la prima volta l’esperienza del rafting o, armati di canoa e una guida, lasciarsi ammaliare dalle bellezze storiche cittadine, viste però dal mare, con tutto il fascino che ne consegue. Esperienze differenti ma tutte accomunate dal fatto che i piedi resterebbero ben saldi al terreno.

Chi invece si sentisse più spericolato, potrebbe tentare la conquista del cielo, lanciandosi per la prima volta col paracadute (lancio assistito ovviamente), o magari provare il brivido dello schianto con una corda legata al corpo, così da spuntare bunjee jumping dalla lista delle cose da fare prima di morire.

Per gli amanti del genere, sarebbe possibile organizzare una festa a tema, prenotando una sala e addobbandola a dovere, con l’aiuto di un esperto o di qualche amico/a appassionati di uno specifico periodo storico. Una sorta di festa di carnevale con un solo tema, che siano gli anni 20′, super eleganti e colmi di gel nei capelli per gli uomini e capigliature cotonate per le donne, o magari gli anni 40′ americani, che richiamano inevitabilmente Al Capone. Razziando qualche mercatino vintage sarebbe poi facilmente realizzabile una festa anni ’80 o ’90, con tanto di musicassette a fare da colonna sonora della serata, invece di ricorrere a supporti digitali.

Non è raro ritrovarsi a parlare con persone che non riescono affatto a sopportare il concetto di una festa, tra le pressioni dell’organizzazione e la noia di dover allietare la serata di tante persone. Per costoro è di certo consigliabile festeggiare da soli o in compagnia di poche persone, la propria fidanzata o magari uno o due amici intimi. Insieme ci si potrebbe avventurare in un viaggio, che sia in Italia o all’estero ma se il proprio compleanno cade in un periodo estivo, si corre il rischio di pagare prezzi eccessivi. Per questo motivo sarebbe consigliabile prenotare con largo anticipo. Se invece la data fatidica dovesse cadere in un periodo invernale, trovare pacchetti offerte sarebbe a dir poco semplice.

Restando in Europa è possibile scegliere tra svariati posti incredibili, optando per un’unica città, da visitare a fondo, o per un itinerario on the road, spostandosi da un posto all’altro a bordo di un veicolo a quattro ruote o col treno, studiando a fondo coincidenze e tariffe. L’esperienza in un interrail è qualcosa che inevitabilmente accompagnerà il festeggiato e i suoi amici per tutta la vita, creando rapporti molto profondi o consolidando quelli storici.

Se è vero che i vent’anni sono un po’ una porta, segnando il passaggio tra un’età più infantile e una adulta, cimentarsi in questa avventura, provando anche il brivido di doversela cavare da soli in ogni situazione sgradevole o di pericolo eventuale, potrebbe donarvi l’immagine dell’uomo o donna che diventerete al termine del vostro percorso di crescita.

Un regalo dunque che fate a voi stessi, accettando di conoscervi più a fondo, nonostante si tratta di un gesto da compiere a vostro rischio e pericolo.

Add Comment