Come festeggiare i 30 anni

Compiere 30 anni è una tappa importante della vita di ognuno.

Per molti il trentesimo compleanno segna la fine della giovinezza, ma in realtà è l’occasione perfetta per dare il via ad un nuovo decennio ricco di entusiasmanti esperienze.

Per questo motivo i festeggiamenti devono essere memorabili, così da salutare l’anno trascorso e condividere dei momenti speciali con amici e parenti. Con un po’ di fantasia e immaginazione si possono mettere insieme diverse idee e proposte originali per celebrare il trentesimo compleanno.

Un modo per dare il benvenuto al nuovo decennio e stupire amici e parenti, lasciandoli a bocca aperta, è fare qualcosa di sorprendente, non banale, che non si è mai fatto. Ad esempio lanciarsi col paracadute da una montagna è un’attività perfetta per quelli che amano provare emozioni forti e ricevere una scarica di adrenalina. Mangiare cibi rari o inusuali, come la carne di rana, stimolando il gusto con nuove sensazioni, è un’altra buona soluzione per creare dei ricordi indelebili. Fare una visita guidata in un luogo sconosciuto del proprio paese o montare per la prima volta su una moto sono valide alternative per coloro che sono un po’ più deboli di cuore.

Per quelli che invece preferiscono festeggiamenti più convenzionali, ma vogliono evitare di essere banali, un buon modo per brindare è organizzare un party a tema con le persone care. Una festa ispirata agli anni trenta per accogliere i 30 anni è una soluzione giocosa ed elegante. Basta arredare o adornare la casa con oggetti che ricordano gli anni trenta, programmare musica adatta e invitare i partecipanti a vestirsi prendendo come riferimento una diva o un divo dell’epoca.

Un altro tema per rendere più originale la festa può essere quello ispirato agli anni di nascita, ad esempio gli ottanta. Non mancano suggerimenti sulla musica o sulla moda di quel periodo, ricco di suggestioni e creatività. Abiti stravaganti e ipercolorati, capelli cotonati o disposti a cresta, trucco eccentrico per le donne, sono le parole d’ordine. Per rievocare i tempi gioiosi e spensierati dell’adolescenza, dando un tocco nostalgico al party, gli anni novanta offrono un repertorio di canzoni da cantare e da ballare infinito. Jeans e magliette aderenti, capelli lisci per le donne, ingelatinati per gli uomini, sono sicuramente dei tratti distintivi dei novanta.

Per quelli che non amano l’idea di avvicinarsi ad una condizione di crescente indipendenza e autonomia, un modo per festeggiare è cercare di sentirsi di nuovo bambini per ventiquattro ore. Una festa ambientata in un parco giochi o in un parco divertimenti, con giostre e banchi di dolciumi, in compagnia degli amici, è l’ideale per tornare all’infanzia. Dimenticarsi per un giorno tutte le responsabilità e le preoccupazioni, mettere da parte la paura del futuro e abbandonarsi a ogni stimolo possibile sono operazioni d’obbligo per poter rivivere l’entusiasmo, la gioia e la spensieratezza della tenera età.

Se invece non si amano le feste formali, un buon modo per evadere dalla realtà e al tempo stesso costruirsi un ricordo che difficilmente si dimenticherà, è fare un viaggio in Italia o all’estero.

Viaggiare significa sentirsi liberi, soddisfare le proprie curiosità, scoprendo nuovi mondi, e non annoiarsi mai.

Non si può mai sapere cosa succederà con esattezza durante un viaggio. Pertanto festeggiare con una partenza è una soluzione all’insegna dell’avventura, del mistero e del fascino dell’ignoto. Le grandi metropoli europee offrono molte possibilità in termini di divertimento, così come le città italiane, che però sono cariche di una maggiore aliquota di romanticismo, di arte e di storia.

Add Comment