Un dovere di tutti

La raccolta differenziata è un atto dovuto nei confronti della natura, per un necessario e preciso rispetto dell’ambiente in cui si vive.

La raccolta differenziata permette di avere dei vantaggi multipli, in quanto consente da un lato un notevole risparmio di risorse energetiche (litri di petrolio, alberi abbattuti, kw da impiegare), dall’altro evita di accumulare nelle discariche e negli inceneritori tonnellate di rifiuti che avrebbero potuto avere ben altra e più proficua destinazione.

Per aumentare la quantità e qualità della raccolta differenziata, occorre far pressione sul senso civico ed etico della popolazione, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tutela dell’ambiente, con un’ottica di visione delle problematiche a 360 gradi.
In natura non esiste la parola rifiuto, tutto quello che è considerato scarto viene scomposto e riutilizzato in altra maniera, l’uomo ha il dovere di prendere spunto da questo fatto per cercare di limitare il più possibile il suo impatto ambientale, e una raccolta differenziata svolta con oculatezza realizza molti obiettivi.

Come si è accennato in precedenza, recuperare attivamente i materiale di rifiuto, quali carta, plastica, vetro, metalli, umido, consente un enorme risparmio, in termini di energia.
E’ sufficiente pensare che per produrre una tonnellata di carta vergine occorre abbattere qualcosa come 15 alberi, impiegare ben 440.000 litri d’acqua ed un consumo di energia elettrica pari a 7.600 kw: la contropartita è rappresentata dalla raccolta differenziata, dove i valori per produrre una tonnellata di carta riciclata scendono drasticamente a soli 1.800 litri d’acqua e 2.700 kw, ma il lato più importante è il mancato abbattimento degli alberi, potendo così affermare che una coscienziosa raccolta differenziata aiuta a combattere la deforestazione.

La stessa identica cosa si può affermare per qualsiasi altra tipologia di materiale oggetto di raccolta differenziata, i valori di energia per riportare ad una nuova vita i rifiuti sono nettamente più bassi di quelli che necessitano per produrli ex-novo, senza dimenticare il fatto che distruggendo i rifiuti indifferenziati si immettono nell’ambiente tonnellate di nociva anidride carbonica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here