Perché escono i nei?

Già dai primi attimi dopo la nascita, si può notare come il corpo presenti piccole macchie scure disposte in maniera disordinata.

Questi piccoli segni epidermici vengono chiamati nei o nevi.

I nei non sono tutti uguali, infatti essi presentano colorazioni e forme differenti, seppur si trovano sulla stessa pelle di una singola persona e, durante la crescita, alcuni tendono ad ingrandire, a cambiare colorazione, anche se essi sono quasi sempre della gradazione del marrone, e ad inspessirsi.

La loro formazione è spesso stata giustificata con una semplice motivazione, ovvero un accumulo di melanina, pigmento che determina la tonalità della pelle e del colore degli occhi. Attribuire alla melanina la comparsa dei nei è una spiegazione valida ma poco dettagliata, infatti l’uscita di queste piccole e irregolari macchie é legata ad un processo biologico molto più articolato.

I nei sono una risposta cutanea, essi si presentano come macchie colorate indelebili sulla pelle, e la loro formazione è da attribuire ai melanociti, cellule che sintetizzando formano la melanina. È l’accumulo spropositato del pigmento formatosi che causa la formazione dei piccoli tumori benigni sulla pelle, da non confondere con altre macchie cutanee come i fibromi. I melanociti non sintetizzano in maniera composta, infatti l’apparizione dei nei non può esser programmata, non a caso, durante gli anni di vita, essi compaiono senza preavviso, senza un ordine prestabilito e spesso non recano alcun fastidio.

L’uscita dei nevi è quindi un processo biologico errato, i melanociti, invece di disporre in maniera corretta l’elemento sintetizzato, non si posizionano uniformemente e, accumulandosi, creano un errore visibile ad occhio nudo sulla pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *