Perché i gatti fanno le fusa?

Se c’è una cosa sicura che noi umani sappiamo, è che quando un gatto è felice inizia a fare le fusa.

Non ci sono ancora certezze sul reale motivo per cui lo fanno, ma sicuramente se sentiamo un gatto emettere le fusa possiamo stare sicuri che quasi sicuramente vuole esprimerci la sua serenità.

Diciamo quasi sicuramente perché c’è una piccola teoria avanzata recentemente da studiosi zoologi, che prevede che un gatto emetta queste sonore vibrazioni anche quando si sente in pericolo o comunque quando incomincia a diventare nervoso.
Probabilmente si tratta di rarissime eccezioni che seppur valide, non rientrano certamente nella casistica più diffusa.

Da dove arriva il termine “fusa”?

È proprio una questione di semantica; lo dice la parola stessa. Il suono, così soffuso ed intrigante, ricorda proprio quello di un fuso all’opera.
Molti grandi felini sono in grado di emettere questo particolare brontolio di piacere, anche le tigri ed il ghepardo e sono fusa molto più profonde ed accentuate grazie all’ampio movimento del diaframma.

La teoria più accreditata spiega il motivo delle fusa attraverso un’attenta osservazione dei cuccioli.

Non potendo emettere dei veri e propri miagolii, soprattutto i primi giorni di vita, i micini comunicano con mamma gatta proprio attraverso queste particolari vibrazioni.
Per loro, stare accanto alla madre durante l’allattamento, è un momento di intenso piacere e relax ed imparano presto ad imitare lo stesso suono di quando erano cuccioli, anche in altre situazioni particolarmente piacevoli.

La meccanica delle fusa è ancora oggi studio di approfondimento.

Parte tutto dalla gola e precisamente dalla laringe e dalla glottide che espandendosi e restringendosi provocano la ragione di questi suoni attraverso il passaggio dell’aria.

Tra le razze di gatto conosciute, una in particolare riesce ad emettere fusa molto rumorose ed udibili anche a distanza di qualche metro. Parliamo del gatto abissino, diretto e fiero discendente dell’antico gatto egizio rappresentato come Dea Bastet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *