Perchè si fa l’albero di natale?

Tutti quanti noi sappiamo che non è davvero Natale senza il tradizionale albero di Natale.
E’ un elemento che non può mai mancare per questa festa che tutti amano ed è il segno che si sta avvicinando, quando iniziamo a togliere fuori tutte le nostre decorazioni per entrare nel pieno di questa festa invernale

L’albero di Natale, insieme al presepe, è una delle tradizioni natalizie più diffuse ed usate.


Solitamente vengono utilizzati degli alberi veri, come le conifere sempreverdi, come l’abete, o i pini che non solo sono de meravigliosi alberi che creano un’atmosera meravigliosa, ma rilasciano anche un delizioso profumo nell’aria.

Oltre agli alberi veri però, sono molto diffusi anche gli alberi finti che non è necessario comprare ogni anno, in quanto durano diversi anni se trattati nel modo giusto.
L’Albero di Natale, dal più piccolo al più grande, viene decorato con luci, festoni, dolciumi, palline colorate, piccoli pacchettini regalo e tante altre cose.
Nella parte più alta, la punta, viene solitamente messa una stella cometa, che è il tocco finale per concludere l’addobbo dell’albero.

Per tradizione l’albero di Natale deve essere preparato prima di Natale, solitamente l’8 Dicembre, ovvero il giorno dell’immacolata concezione e viene rimosso il giorno dopo l’Epifania.

Tradizione vuole che tutti i regali di Natale vengano posizionati sotto l’albero per renderlo ancora più ricco, ma questo ha anche un signifocato leato alla religione.

L’albero d Natale viene fatto per simboleggiare il rinnovamento della vita ed è un simbolo prettamente pagano già presente ne periodo medievale, anche se in seguito è entrato a far parte anche della cultura cristiana.
Questa usanza entrò ufficialmente a far parte delle tradizioni della gente che si portavano gli alberi di Natale apposta per poterli decorare nelle loro case, nel diciottesimo secolo.

Dall’inizio del Novecento poi, questa tradizione ha iniziato a diffondersi sempre di più diventando qualcosa che non poteva ormai più mancare nelle case dei cittadini durante il periodo natalizio.
Dal periodo del dopoguerra l’albero di Natale ha iniziato ad acquisire un significato commerciale e consumista dando poi vita ad un’ industria dell’addobbo natalizio, che va avanti ancora oggi.


L’albero di Natale ha comunque un’origine piuttosto antica e legata alla religione.
Nei secoli precedenti veniva infatti bruciato un pino una volta all’anno, in una data ben precisa, che andava a creare una luce grandissima che aveva un rifermento verso Gesù e Dio in quanto l’albero andava proprio a rappresentare Dio come una linfa vitale e la stessa Chiesa, che veniva vista come un giardino voluto sulla Terra da Dio.

L’albero di Natale è stato in seguito collegato proprio al cristianesimo, col fatto che fosse definito come albero “di Natale” dove poniamo tutti i regali come omaggio al fatto che Dio ci ha fatto un dono venendo sulla Terra in forma di uomo vivendo nella povertà.
Per questo motivo si è iniziato a fare l’albero di Natale, per ricordare il Signore e rendergli omaggio.

La tradizione dell’albero di Natale ha iniziato la sua diffusione nel nord Europa, come quasi tutte le tradizioni natalizie, arrivando poi in tutto il Mondo.
Ora infatti, non esiste arte del Mondo in cui non venga realizzato l’alber durante il periodo di Natale.


Adesso si cerca di rendere l’albero più ricco e luminoso possibile con tutte le bellissime decorazioni che si possono utilizzare.

Non esiste nessun limite per decorare l’albero, che può essere assolutamente personale senza allontanarsi troppo dalla tradizione. L’albero di Natale viene anche addobbato con oggetti che hanno un forte valore emotivo per chi decide di utilizzarli. Possono essere, per esempio, degli oggetti che sono stata dati in dono da persone care e quini si decide di metterli in posizione d’onore sull’albero.

Si ha comunque un certo senso e sentimento di rispetto verso questa tradizione.
Per l’addobbo dell’albero di Natale vengono utilizzati principalmente colori come l’oro, l’argento, il rosso e il verde che sono proprio i colori tipici del Natale.


Questa è senza dubbio diventata ormai una tradizione forse un po’ più commerciale, ma si cerca sempre di non allontanarsi troppo dal suo reale significato e origine e di tramandarla sempre di generazione in generazione.

Add Comment