Perché si muore?

A regolare il nostro ciclo di vita sono numerose variabili tra cui, ad esempio, la cosiddetta regolazione ormonale.

Gli ormoni e, più in generale, ogni molecola del corpo segue una ben precisa ciclicità che sta alla base della salute dell’organismo e, di conseguenza, dell’invecchiamento cellulare.

Ovviamente, l’invecchiamento è legato alla genetica ma, in ogni caso, sarebbe un errore non tenere conto del fatto che sono gli ormoni a dettare il tempo dell’invecchiamento cellulare.

In buona sostanza, quando si parla di invecchiamento, si fa riferimenti ad un declino della ciclicità ormonale che può essere progressivo o rapido.

Nel caso del cosiddetto declino rapido si ha a che fare con una malattia.

Ciò che succede all’organismo, pertanto, è molto semplice: con il tempo le cellule invecchiano e si deteriorano fino a condurre l’individuo alla morte.

A meno che non subentrino patologie complesse, l’organismo è in grado di sopravvivere anche più di 100 anni.

Gli interrogativi in merito alla morte sono tutti decisamente complessi e, senza dubbio, da sempre affliggono tutti gli esseri umani. Una cosa è certa: sconfiggere la morte è impossibile. Sono state davvero molte le teorie studiate a tale riguardo ma nessuna di esse è riuscita a spiegare in maniera dettagliata come evitare di morire. La morte, pertanto, appare come un processo fisiologico ineluttabile.

A variare da individuo ad individuo è solo il momento in cui essa si manifesterà. Insomma, la morte è l’unica cosa che accomuna tutti gli esseri viventi e che li rende così vulnerabili. Ma è possibile bloccare l’invecchiamento? Per il momento, non sono stati trovati rimedi all’invecchiamento cellulare. Di sicuro, l’asepttaiva di vita è aumentata notevolmente.

Fino al secolo scorso, infatti, era decisamente impensabile riuscire ad arrivare alla soglia del 100 anni ed invece oggi si può sperare addirittura di superare questo traguardo senza dover fare fronte a troppi danni collaterali legati all’invecchiamento cellulare.

In sintesi, si muore perché le cellule del nostro corpo invecchiano in maniera lenta ed inesorabile poiché sono legati ad un ciclo ormonale incontrovertibile.

Add Comment